ECO della Informazione


Si registra un consumo di pesce superiore a quello degli anni passati in questa ricorrenza vicina alla Pasqua. Gli italiani preferiscono prodotti nostrani, soprattutto sardine e alici

Pubblicato il 30-Mar-18 Visitatori: 20

Venerdì Santo, cresce il consumo di pesce in Italia

   






Il 56% degli italiani, quasi sei su dieci, ha scelto di portare il pesce a tavola nel giorno del Venerdì santo. Secondo un’indagine di Coldiretti/Ixé, a prevalere sui consumi sarà per l’80% pesce azzurro nostrano, in particolar modo sardine e alici. Tutto nel solco di una tradizione religiosa ormai radicata.

Il Venerdì Santo si consuma più pesce in Italia

L’indagine condotta da Coldiretti sui consumi pasquali ha rilevato che gli italiani hanno una preferenza per il pesce azzurro. Alici, sardine e sgombri, per il loro costo contenuto, rientrano perfettamente nei criteri di sobrietà richiesti dal Venerdì Santo, secondo la tradizione. Gli italiani consumano mediamente 25 chili di pesce a testa in un anno e già nel 2017, l’acquisto di pesce fresco era aumentato del 7%.

In questa ricorrenza pasquale, in ogni parte d’Italia si portano in tavole ricette tradizionali e povere ma rigorosamente a base di pesce. Le zuppe vanno per la maggiore e nel nord Adriatico vengono accompagnate dalla polenta, mentre in Sicilia si preferisce la pasta con le sarde. La Puglia propone fagioli e cozze, il Veneto sarde in saor con cipolla, nelle Marche si mangiano vongole e ceci, e poi ancora alici scottadito, minestra di pesce con gallinelle e ghiozzi, seppie e piselli.

 

Per saperne di più ... clicca qui







Fonte www.si24.it

Correlati

ULTIMA ORA : Muore in Guatemala ex dittatore Montt #27Tv

Fabrizio Frizzi salvò una bambina dalla leucemia, oggi lei ha deciso di raccontare tutta la verità

La Via Crucis di Papa Francesco: presenti 20mila fedeli

Bardonecchia, blitz della gendarmeria francese a caccia di clandestini: è polemica

Irruzione di agenti francesi nel centro migranti di Bardonecchia: scoppia il caso diplomatico